la storia di Trani

Agoràb&b

via Calatafimi,94 TRANI (Bt) Italy mobile 349.3455983 e-mail: info@agorabeb.it

La nostra splendida città racconta la sua storia millenaria attraverso testimonianze note e significative e angoli meno conosciuti ma altrettanto suggestivi.

 

Le origini mitiche vogliono che sia stata fondata dal figlio dell’eroe greco Diomede, Tirreno, di ritorno dalla guerra di Troia, da cui le deriverebbe l’antico nome di Turenum.

Le prime attestazioni documentarie, risalenti al IV sec. d. C., ne ricordano il ruolo di facile approdo, la Traina (insenatura), già sotto l’impero romano o come luogo di passaggio della via Traiana.

 

La costruzione della famosa Cattedrale risale al 1099, anno in cui fu santificato il giovane pellegrino Nicola, morto nella nostra città durante il viaggio verso Roma.

La Cattedrale romanica fu fondata e contiene nella sua struttura quella più antica dedicata a Santa Maria, costruita in età longobarda, quando la città ereditò il ruolo di importante episcopio dopo la distruzione di Canosa.

 

Nel Medioevo fiorirono le attività portuali ed essa fu tra le più importanti città marinare, come testimonia la redazione del più antico codice di navigazione del Mediterraneo, gli Ordinamenta Maris, risalenti al 1063 e la presenza di una numerosa e vivace comunità ebraica, residente nella Giudecca.

 

Nel quartiere ebraico a ridosso del porto si praticavano attività finanziarie e commerciali, come ricorda la toponomastica di via Cambio e la presenza di quattro sinagoghe, di cui due visitabili ancora oggi.

Dal 2004, infatti, si è riformata una comunità ebraica tranese che ha riavuto in gestione la sinagoga di Scolanova ed è stato allestito il Museo ebraico nella sinagoga maggiore, poi trasformata in chiesa con il nome di Sant’Anna.

 

Federico II vi fece erigere uno dei sui tanti castelli nel 1233, proprio davanti alla Cattedrale, dove si sono sposati suo figlio Manfredi e successivamente Carlo I d’Angiò.

 

Nei secoli successivi la città ha perso la sua rilevanza di porto commerciale ma è diventata centro amministrativo e giudiziario importantissimo in quanto dotata da Filippo II di Spagna della Sacra Regia Udienza, con il ruolo di capoluogo di Terra di Bari, mantenuto fino all’Età Napoleonica ed in seguito della Corte d’Appello delle Puglie.

 

Oggi è sede dell’omonima provincia insieme ad Andria e Barletta.

La bellezza della celeberrima cattedrale e dei palazzi signorili di cui è stata arricchita nel tempo, la sua tranquillità e i servizi ne fanno un piacevole, se non imperdibile, luogo da visitare.

 

 

prof. A.D.Cantarella